Il Counseling è  una forma di affiancamento emotivo e di aiuto alla persona finalizzato a migliorare il benessere individuale. Il percorso di Counseling può essere concepito come un viaggio di liberazione da limiti oppressivi verso nuove possibilità.

Lo scopo è quello di offrire alla persona l'opportunità di aumentare il livello di consapevolezza al fine di utilizzare meglio le proprie risorse personali rispetto ai propri bisogni.

La filosofia di base del Counseling è che le soluzioni possono essere più facilmente individuate quando l'attenzione è centrata su ciò che funziona nella vita della persona, piuttosto che sulle sue difficoltà.

Attività professionale di cui alla Legge 14/01/2013 n. 4. Il Counseling non è psicoterapia e non è una professione sanitaria. 



Fare scelte ed affrontare cambiamenti.

 

Incontri di COUNSELING individuali.

Il primo incontro è GRATUITO, anche

via SKYPE.

Download
Leggi e scarica locandina informativa
Counseling Individuale v.2016.pdf
Documento Adobe Acrobat 98.8 KB


Come posso esserti utile.



mutuo aiuto

GRUPPO DI MUTUO AIUTO

per  le persone in lutto

 

www.gruppoeventi.it 

 

 

ROMA, tutti i mercoledì, dalle ore 18,00 alle 19,30. Incontri settimanali gratuiti. 

Il Gruppo di Auto Mutuo Aiuto offre l'opportunità di incontrare altre persone che soffrono la perdita di una persona cara in uno spazio protetto in cui rompere l’isolamento. 

Download
Scarica locandina
locandina Gruppo Giotto v.A5.pdf
Documento Adobe Acrobat 193.9 KB

counseling

GRUPPO DI SOSTEGNO

alle perdite.

 

www.gruppoeventi.it

 

 

ROMA,  il lunedì, dalle ore 18,30 alle 20,30 con frequenza quindicinale.

L'entrata nel gruppo e l'uscita è possibile sempre, secondo i propri bisogni. Nel Gruppo si ascolta e si è ascoltati, si da e si riceve, in un contesto protetto di reciproca attenzione e rispetto.

Download
Scarica locandina
locandina Gruppo Perdite v.A5.pdf
Documento Adobe Acrobat 144.9 KB

seminari

WORKSHOP

 

La dimensione spirituale nella relazione di aiuto.

 

 

ROMA, sabato 29  ottobre 2016, dalle ore 14,30 alle 19,30.

 

La persona umana non solo vuole vivere bene, ma si domanda anche perché vive.

 

Download
Scarica locandina
locandina SPIRIT 2016 v.A5.F.pdf
Documento Adobe Acrobat 144.7 KB


La dimensione spirituale nella relazione di aiuto.

Con l'evoluzione della visione del mondo e del modello scientifico, l'immagine della psiche si è andata allargando, dalle dimensioni istintuali ed emotive, connesse alla vita del corpo, alle dimensioni cognitive e creative connesse alla vita della mente, sino alla dimensione spirituale, riconosciuta come vetta dell’interiorità e parte indivisibile della realtà universale.

   Questa visione appartiene alla psicologia transpersonale, la cosiddetta Quarta Forza della psicologia che riconosce una totalità umana in cui la parola “psiche”, così come la intende la psicologia ordinaria, appare riduttiva e riferita solo a una parte dell’interezza che comprende dimensioni sensoriali, emotive, cognitive e spirituali.

   Mentre nella psicoanalisi l'io adattato alla società, capace di autoaffermarsi nel mondo, è il più alto livello di raggiungimento evolutivo, con la psicologia umanistico-esistenziale, si delinea una fase più matura, che Maslow identifica come arco dell'autorealizzazione, in cui si realizzano i talenti e la creatività individuale.

   Con la psicologia transpersonale si è potuto studiare una fase ancora più matura dell'io, che si riferisce all'autotrascendenza, in cui l'io riconosce la sorgente spirituale del Sé e si allinea ad esso, liberandosi progressivamente dalla sua natura egocentrata.

   Questa fase comprende l'arco che va dalla massima maturità egoica, intesa come interezza corporeo-mentale, al risveglio transegoico nei riguardi dell'esistenza dell'anima, ovvero degli archetipi spirituali nelle vette dell'interiorità.

   In questa fase si dovranno affrontare e trasformare contenuti egoistici onde riorganizzare i poteri dell'io al servizio della vita. Il processo integrativo realizza così una regressione al servizio della trascendenza che affonda nelle matrici dualistiche e separative dell’io.

   La sofferenza spirituale nello stadio dell'io allineato al Sé è dovuta al conflitto tra l'aspirazione alla completezza e alla realizzazione spirituale, e la spinta dei fattori egoistici che impediscono l'accordo con i valori universali.

   Si può dire che l'io, come personalità dotata di funzioni, cresce, evolve e matura: dall'autoaffermazione all'autorealizzazione e all'autotrascendenza.

   La finalità dell'io spirituale allineato al Sé è quella dell'apertura della coscienza alla vita universale, da cui derivano il riconoscimento del compito e dello scopo dell'esistenza e l'allineamento della vita individuale con quella universale.

 

(Il testo è tratto dall'intervista L'io nel Cammino dello Sviluppo Integrale” di Laura Boggio Gilot)